domenica 16 ottobre 2011

Strategie d'attacco

Guardate questo video e lasciatevi ispirare


proprio come hanno fatto governo e forze dell'ordine per prepararsi al meglio ad affrontare l'arrivo degli indignados a Roma.
Forse una manifestazione pacifica non avrebbe fatto comodo al loro scopo. Perchè i comunisti sono brutti, cattivi, violenti, fuori corsoe sempre impegnati a scrivere cattiverie e diffamare i poveri vecchi cantautori italiani. Bisogna convincere tutti, ma proprio tutti della veridicità di queste parole, quindi intercettare le suddette diffamazioni e lasciare che i Balck Bloc di tutto il mondo si servano dell'internet per organizzare il loro incontro nella capitale.
Giunto il giorno della manifestazione i Black Bloc, puntuali si presentano davanti allo stupore di tutti e s'impegnano con ogni mezzo possibile a spargere violenza, incendiare camionette dei carabinieri e cassonetti, deturpare chiese e monumenti, spaccare vetrine.
Alla faccia della manifestazione pacifica... ora che l'opinione pubblica è in allarme, finalmente entrano in gioco le forze dell'ordine, ma i Black bloc, che sono grandi e grossi, armati di molotov, lacrimogeni e randelli li lasciano stare, magari li arrestano... forse, mentre l'unico idiota gravemente ferito è ovviamente un manifestante qualunque col suo cartellone del cazzo (cit).
Altro che bandiere colorate, musica e allegria. I comunisti sono pericolosi, vi sarete convinti una volta per tutte? Avete visto come hanno ridotto strade e monumenti? E il 70 feriti? Eddai!

Che poi, trasportata dall'onda dell'ispirazione pensavo: sarà mica che anche la sinistra abbia imparato qualcosa dall'emerito?
No perchè probabilmente, nel lontano millenovecentonovantaquattro, mentre il signor B iniziava la sua scalata al potere, un pensiero simile baluginò nella mente del buon Prodi e i suoi: diamogli fiducia, lasciamolo fare. In pochi (?) anni manderà l'italia a puttane e ridurrà i cittadini in condizioni di miseria, rubando loro quei pochi soldi risparmiati. Lasciamo che tra i suoi s'insinuino mafiosi e diavoli tentatori con l'agendina carica carica di numeri di escort. Un giorno gli italiani, stanchi di false promesse e incazzzati come faine, rendendosi conto che, oltre alle escort il premier sta fottendo tutti loro, si rivolteranno e, armati di quel poco che è rimasto, lo manderanno via a calci in culo... E il paese sarà nostro.

Mmmh un pensiero piuttosto articolato... magari fosse vero...

6 commenti:

  1. ciao :-)
    so che il mio commento non c'entra un tubo, ma visto che su google reader mi compaiono tutti i tuoi post come se fossero stati pubblicati 2 ore fa, per caso hai ripubblicato l'intero blog? e se sì, come hai fatto? perché volevo ripubblicarlo in modo che le pagine siano indicizzate nuovamente (3 anni fa avevo cambiato l'indirizzo, e i miei bellissimi post del 2007 sono semi-nascosti! ;-))

    RispondiElimina
  2. Guarda, in realtà credo di aver semplicemente reindirizzato il feed perchè non comparivo nei blogroll altrui, non mi si aggiornava... prova così, vai sulle impostazioni >> feed sito >> url di reindirizzamento

    spero sia tutto giusto :)

    RispondiElimina
  3. ...no, la sinistra purtroppo non solo non ha imparato niente; non c'è. O quando c'è dimostra di non essere di sinistra, come ha fatto Pannella. Bello schiaffo ai poveri - come sempre - cittadini!

    RispondiElimina
  4. vero. e purtroppo, più il tempo passa, più mi chiedo se in italia si faccia ancora della vera politica. ormai non scegliamo più tra principi di destra o di sinistra ma tra onestà e disonestà, anche se di onestà io non ne vedo. Nessuno mi rappresenta e credo che come me la pensino in molti...

    RispondiElimina
  5. sì, credo sia proprio come dici tu :) a presto!

    RispondiElimina
  6. Ho intasato le home page di tutti credo XD

    RispondiElimina