mercoledì 13 febbraio 2013

Io dico NO al Captcha



L'altra sera - colpa mia che dimentico sempre le password - cercavo disperatamente di entrare su twitter. Al ventesimo tentativo ho deciso di rinunciare, imprecando selvaggiamente. Non tanto per i vari fallimenti, quanto perché, una volta si e una no, veniva fuori il temutissimo CAPTCHA, quel codice... va beh, non serve che io spieghi cos'è... che ha fatto salire a quaranta i miei disperati tentativi d'accesso.
Lì per lì, presa da un profondo momento di sconforto, ho pensato che, qualora Berlusconi avesse promesso di eliminare tutti i captcha dalla faccia della terra, fooooorse avrebbe avuto il mio voto. Poi ho cominciato a parlare da sola e tirare testate contro il muro, dopo ancora ho capito di aver formulato pensieri da non ripetere a voce alta e sono tornata in me.
Questo per farvi capire i maledetti effetti del fenomeno captcha.
Che poi io, a cosa serve non l'ho ancora capito! Dicono per verificare che tu non sia un robot, ma è evidente che il risultato è confermare che tu lo sia, perché ditemi voi chi è in grado di leggerlo se non un androide!Ditemelo. E non c'entro io che vedo poco. Anche il mio amico programmatore non capisce una fava!
Quindi, a meno che non mi capiti da identificare una roba simile (immagine sotto) così, giusto per esplicitare una volta per tutte com mai le mie giornate siano sempre così noiose, TOGLIETE I CAPTCHA e spargete il verbo!


6 commenti:

  1. Lo sai che uno degli usi che se ne fanno è per il riconoscimento dei testi nei libri antichi?
    Da wikipedia: "I test CAPTCHA hanno avuto degli utilizzi secondari non legati unicamente all'eliminazione dello spam: il più noto riguarda il riconoscimenti di testi contenuti in libri antichi e si chiama reCaptcha. Molte biblioteche stanno provvedendo a convertire in digitale le loro collezioni di antichi testi (anche manoscritti); questa conversione viene ottenuta tramite la digitalizzazione delle pagine e la loro successiva analisi tramite un programma OCR, che analizza le immagini delle pagine ed estrae il testo in esse contenuto. I programmi OCR però interpretano con difficoltà le lettere sbiadite e le pagine ingiallite dei testi antichi e quando non sono in grado di riconoscere con certezza un testo necessitano di un intervento umano, che rallenta il processo e innalza il costo della digitalizzazione."

    RispondiElimina
  2. Grande hai aderito anche tu, mi fa immenso piacere, i captcha sono una seccatura, non servono a nulla, ci impediscono di comunicare ...

    RispondiElimina
  3. Anche io non li sopporto, i peggiori poi sono quelli combinati con dei numeri piccoli e illegibili!

    RispondiElimina
  4. evviva, evviva! anche io dico no!

    RispondiElimina
  5. Io prima o poi mi lancerò in una vera crociata per eliminarli! Quando vedo che ci sono i captcha da inserire già mi passa la voglia di commentare...

    RispondiElimina